Ancora M&A per Italgas

Mar 13, 2018 | Mergers & Acquisitions | 0 commenti

Il leader della distribuzione del gas in Italia ha rilevato il 100% di Ichnusa Gas S.p.A e il 100% di Medea S.p.A.

Come anticipato nell’articolo sull’acquisizione di Enerco, Italgas ha proseguito nella sua mission di ampliamento della rete di distribuzione e di riduzione della frammentazione del settore in cui opera. Al termine del 2017 ha raggiunto l’accordo con Hera per l’acquisizione di Medea, società titolare della concessione per la distribuzione e vendita di gas nella città di Sassari. L’affare si è concluso per la cifra di 24,1 milioni di euro, facendo registrare un multiplo EV/EBITDA pari a 9,12. Si tratta di una valutazione decisamente più in linea con il mercato rispetto alla precedente acquisizione. Infatti, l’EV/EBITDA di Medea si avvicina a quello del macro-settore “Fornitura di energia elettrica e gas” pari a 8,87 (fonte: Infovaluation) e si allontana da quello relativo all’M&A di Enerco pari a 14,07.

 

 

A fine febbraio il colosso della distribuzione del gas ha poi perfezionato l’acquisto di Ichnusa Gas, titolare tramite proprie controllate di 12 concessioni per la realizzazione e l’esercizio di reti di distribuzione del gas in 81 Comuni della Sardegna. In tal caso, sono stati versati nelle casse dei vendor, Cpl Concordia e Impresa Costruzioni Ing. Raffaello Pellegrini Srl., circa 26 milioni di euro. Considerando il fatto che Ichnusa ha fatto registrare negli ultimi 3 anni un EBITDA negativo, Italgas non pare aver portato a termine un così buon affare per quelle cifre. In realtà, il valore relativamente alto del deal è conseguenza del fatto che delle 12 concessioni contenute nel portafoglio di Ichnusa Gas, 10 riguardano reti in costruzione per un investimento complessivo di oltre 170 milioni di euro, in parte finanziato con contributi regionali. In altre parole, il prezzo di acquisizione sconta il potenziale aumento in termini di chilometri di rete e clienti potenziali, di cui Italgas beneficerà nell’arco dei prossimi tre anni.

 

Fonte: Sito del gruppo Italgas

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *