Il valore del Benchmarking

Nov 26, 2021 | Analytics

“La redditività attuale della mia azienda è soddisfacente? È in crescita? Come si stanno comportando i miei competitor?”

Che si analizzi la variazione dei ricavi, la capacità di generare margini e profitti o la sostenibilità economico-finanziaria quando si ha un giudizio positivo? Chi ci assicura che la crescita dell’impresa sia equiparabile alla crescita avvenuta nel mercato di riferimento? I competitor principali come si sono comportati? Sono cresciuti? E in che misura?

Non rispondere correttamente a queste domande porterebbe ad una visione distorta di ciò che realmente sta succedendo alla nostra azienda e di come si posiziona rispetto i competitor.

“Sono cresciuto del 2% quest’anno!”

“Bene, ma di quanto è cresciuto il mercato? Dello 0,5% oppure del 5%?”

Perché sono cresciuto del 2%? È merito mio? Oppure il trend positivo potrebbe essere dovuto a cause esogene non derivanti dalla strategia interna?

L’attività di confronto sistematico delle performance aziendali con quelli dei concorrenti, delle best practices, del settore prende il nome benchmarking.

Dopo aver individuato i principali KPI di bilancio (che vedremo insieme nei prossimi articoli) si procederà a confrontare i risultati ottenuti dall’azienda con quelli del benchmark di riferimento che, a seconda del tipo di analisi che si vuole sviluppare, può essere stimato in modi differenti: settore di appartenenza, specifici competitor, attori della filiera, leader di altri settori[1].

L’obiettivo è trarre ispirazione dai modelli vincenti e individuare strategie idonee da implementare nella propria realtà per potenziare i processi, ottimizzando i risultati in un’ottica di continuo miglioramento.

In un mondo competitivo in continua crescita ed espansione per i manager e gli imprenditori di oggi è fondamentale il benchmarking, in un’ottica di continuo confronto con i propri rivali diretti e i leader di settore, per condurre l’impresa al successo.

 


[1] Silvi, Riccardo. Analisi di bilancio: la prospettiva manageriale. McGraw-Hill, 2012.

 

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Archivio